Tpffcelticsociety

vaginoplastica


vaginoplastica / Bellezza e benessere

il vaginoplastica Di solito è fatto in donne che soffrono di indebolimento degli organi pelvici e un allargamento della vagina a causa di diverse gravidanze e consegne. Inoltre, la perdita di fermezza del pavimento pelvico può anche portare al prolasso uterino (caduta e spostamento della vescica), incontinenza urinaria e rapporti sessuali a bassa intensità o meno frequenti di orgasmi.

In cosa consiste l'operazione?

Per correggere questi problemi, viene effettuata una riduzione dei muscoli intorno alla vagina, che migliora il tono muscolare e l'elasticità. In questo modo viene rafforzata la parete posteriore della vagina, che migliora la continenza del pavimento perineale e risolve i disturbi associati a questa eccessiva dilatazione.

L'operazione di vaginoplastica consiste nel restringere il canale vaginale, unendo i muscoli con suture riassorbibili. Questo intervento, noto anche come "chiusura vaginale" viene talvolta eseguito contemporaneamente ad altre operazioni di scopo estetico, come la correzione di episodi prodotti nelle consegne. L'operazione può durare da una a due ore e, a seconda del grado di allargamento della vagina, sarà eseguita in anestesia generale o solo locale. Il post-operatorio è fatto a casa e richiederà la somministrazione di analgesici leggeri e semi-riposo.

Altre alternative alla vaginoplastica

I problemi di incontinenza urinaria e prolasso vaginale possono essere risolti con questo tipo di interventi chirurgici o in aggiunta ad altre tecniche, come l'applicazione di reti che sostituiscono le fasce danneggiate in caso di prolasso. Solitamente eseguito per via laparoscopica, lascia a malapena cicatrici e consente la correzione in meno di un'ora.

L'incontinenza urinaria di solito si presenta con prolasso, ma non sempre. Sebbene i trattamenti basati sulla contrazione e gli esercizi di distensione dei muscoli pelvici tendano a correggere l'incontinenza lieve, i più gravi sono di solito risolti con il intervento al nastro, che posiziona un nastro di materiale sintetico sotto l'uretra che impedisce che scenda. Di durata inferiore alla mezz'ora, può essere eseguita anche con laparoscopia, ed entrambe le operazioni sono solitamente contemplate nei sistemi di sicurezza sociale, a seconda del paese in cui ti trovi.

Quando l'obiettivo è quello di eseguire un restringimento necessario per la soddisfazione sessuale, lavoriamo con stampi del pene per evitare problemi successivi come la stenosi vaginale. Sebbene possa essere eseguita con il laser, la maggior parte dei medici sceglie l'uso tradizionale del bisturi, molto più attento ai tessuti. Questo intervento, che viene eseguito in anestesia locale, di solito dura circa due ore, quindi è ambulatoriale, o richiede un massimo di un giorno di ricovero, a seconda dei casi. Il periodo postoperatorio dura da quattro a sette giorni di riposo relativo e l'attività sessuale può essere ripresa dopo un mese o un mese e mezzo.