Tpffcelticsociety

Valore nutrizionale e dietetico del melone


Valore nutrizionale e dietetico del melone / Dieta e nutrizione

il melone È un frutto a basso contenuto energetico (33 Kcal / 100 g), che fornisce una grande quantità di acqua, ed è notevole per il suo contenuto di potassio, carotenoidi (in particolare le varianti di polpa arancione) e vitamina C. Per quanto riguarda i macronutrienti, è Il contenuto di zucchero è basso (non raggiunge 6g / 100g) che lo rende un frutto interessante per i diabetici.

È una buona fonte di idratazione in estate e il suo basso contenuto calorico lo rende un ottimo alleato nel diete dimagranti. Una fetta contribuisce a più della metà della quantità giornaliera raccomandata di vitamina C, così che due fette (quella che è stata una razione di consumo abituale) servono a coprire i fabbisogni di quella vitamina. A differenza del suo lontano cugino, il cocomero, il suo contenuto di potassio dovrebbe essere preso in considerazione dai pazienti renali, poiché una razione può strofinare il grammo.

Miti sul melone

Il melone nell'oro del mattino, nel pomeriggio l'argento e di notte uccide! "(Detto popolare). Il melone è uno di quei frutti con alcuni miti in giro, una conseguenza delle credenze popolari. Il proverbio precedente lo riflette già in questo modo, qualcosa che siamo troppo abituati a sentire: il melone consumato di notte è digestione difficile. È più che probabile che questa credenza provenga dalla medicina antica, che prescriveva di mangiare il melone, i fichi e le bacche all'inizio del pasto.

Inoltre, nel medioevo i medici consigliavano di mangiare certi frutti con altri alimenti e condimenti. Il melone non è stato salvato da quella croce e si consigliava di consumarlo con formaggio o carne, sale o zucchero molto condito "Evita che marcisca". È più che probabile che l'abitudine di mangiare il melone con il prosciutto provenga da lì. In effetti, il grande Alexandre Dumas nella sua Grand Dictionnaire de Cuisine L'ho descritto "Affinché il melone sia digestivo, dicono alcuni gastronomi, è necessario mangiarlo con pepe e sale e bere con esso mezzo bicchiere di vino di legno o piuttosto di marsala".

Tuttavia, non ci sono prove scientifiche che ci facciano scoraggiare il consumo di melone dopo aver mangiato come dessert o durante la notte. È vero che ci sono persone che digeriscono meglio o peggio certi cibi, quindi applicando il buon senso saremo protetti: se un cibo non si sente bene devi semplicemente smettere di consumarlo e scegliere gli altri che non danno problemi. Generalizzare con queste affermazioni è un errore che può portarci a perdere noi stessi gustando alcuni cibi, come nel caso del ricco melone.