Tpffcelticsociety

Usano il virus Zika per combattere il glioblastoma


Usano il virus Zika per combattere il glioblastoma / notizie

I ricercatori della Facoltà di Medicina dell'Università di Washington a St. Louis (USA) hanno guidato a studio dove hanno usato un ceppo di virus Zika per provare a combattere il glioblastoma -a tumore al cervello con una prognosi molto scarsa perché è molto difficile da trattare - nei modelli murini che erano stati precedentemente indotti a questo tipo di cancro.

Gli scienziati hanno inoculato gli animali malati con il virus e hanno scoperto che, proprio come succede quando si infettano feti umani in via di sviluppo, Zika ha mostrato preferenza da infettare le cellule staminali di glioblastoma (che sono particolarmente resistenti a chemioterapia e radioterapia) piuttosto che neuroni o cellule tumorali normali (già differenziate).

L'azione del virus ha rallentato significativamente il crescita del tumoree l'aspettativa di vita dei topi andò avanti per molto tempo.

Virus Zika modificato per attenuare la sua virulenza

Sebbene il virus Zika causi una malattia molto lieve negli umani adulti, per evitare rischi inutili gli autori dello studio hanno lavorato con un ceppo modificato che era meno aggressivo di quello trovato in natura e che era molto più sensibile a l'azione del sistema immunitario, ma che era in grado di infettare specificamente le cellule staminali di glioblastoma ed eliminarle.

Il virus Zika ha mostrato una preferenza per infettare le cellule staminali di glioblastoma, piuttosto che i neuroni o le normali cellule tumorali

Inoltre, la capacità distruttiva del virus artificiale è stata aumentata a combinalo con temozolomide, un farmaco chemioterapico che come unica terapia ha effetti molto limitati su questo tipo di cellule.

Come spiegato da Michael Diamond, co-direttore della ricerca, il virus Zika correttamente modificato potrebbe essere un passo avanti per combattere questo tipo di tumore cerebrale letaleed è necessario continuare a lavorare per sviluppare ceppi sicuri ed efficaci di questo virus che possono essere utilizzati a tale scopo senza danneggiare la salute dei pazienti, tenendo conto, inoltre, dei rischi associati al lavoro con i virus e valutando attentamente la capacità di Questi ceppi si diffondono o si trasformano in forme più virulente.